Articolo sui Marillion, scritto da Marcello Ernano

I Marillion nascono come gruppo prog rock nel 1978 ad Aylesbury in Inghilterra. Ancora oggi la band gode di una folta schiera di fans del neoprogressive , anche se tutti ricordano il miglior periodo con Fish alla voce.
La band ricorda nei suoni e neela stesura dei brani, i Genesis del periodo d’oro con Peter Gabriel tanto che anche la voce di Fish ricorda quella di Gabriel.
Album come Fugazy e Script Of a Jester Tear ma ancor di più l’album che gli da la svolta decisiva ovvero Misplaced Childood sono ancora ricordati dai fans e da il sottoscritto con un po di commozione.
Anche se con l’ingresso del nuovo cantante le cose cambiano un po, i Merillion dimostrano di fare ancora una buona musica con ricerche nel sound e ciò mi pare giusto per qualsiasi band che deve evolversi.
Ricordiamo la formazione
Fish (cantante e autore dal 81 a l’88)
Mick Pointer :batteria ( lascerà il gruppo nell’83)
Brian Jelliman : tastiera( lascerà nel 81 la band)
L a formazione attuale che vede
Steve Hogarth: cantante e scrittore dei testi a volte anche tastierista entra nel gruppo nel 1989
Steve Rothery : chitarra acustica Pete Trewavas: basso elettrico e seconda chitarra nella band dal 1982
Mark Kelly : tastiera (si unisce al gruppo nel 1981)
Ian Mosley : batteria e percussioni( si unisce al gruppo nel 1982)
Che il rock sia con voi Marcello

I Toto ed il neo-progressive

Toto (U.S.A. – 1978)

Un ottimo esempio di come far rock valido dal punto di vista qualitativo e commerciale. Musicalmente i Toto sono definibili in quella scena neo-progressive che vede come protagoniste assolute le tastiere, e spesso e volentieri strizza l’occhio al pop.

L’omonimo album di esordio è veramente eccezionale: il singolo “Hold the Line” diventerà presto una delle più famose canzoni della nuova era del rock: pur essendo commercialmente di facile ascolto, dal punto di vista della composizione è davvero valida, e lo stesso discorso lo si può fare per tutto l’album. Particolare attenzione la meritano i 2 leader della band: i fratelli Steve e Jeff Porcaro, rispettivamente tastierista e batterista della band.

Se l’esordio era stato col botto, il successivo “Hydra” non è assolutamente da meno. Il singolo di successo stavolta è “99”, ed anche in questo caso è bene sottolineare il lavoro dei fratelli Porcaro; a differenza della maggior parte dei gruppi che scelgono come riff la chitarra, in questo caso lo strumento che emerge di più è la tastiera.

Nel 1982, con il quarto “Toto IV”, il gruppo raggiunge il punto più alto della sua carriera: in questo disco c’è la maggior parte dei pezzi meglio riusciti del gruppo, in particolare i bellissimi singoli “Rosanna” e “Africa”. Questo fu l’album della definitiva consacrazione: sia che li si vedeva come neo-progressive, sia che li si vedeva come pop, i Toto erano diventati protagonisti assoluti del periodo che va tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli ’80. Il disco, però, rappresentò anche il punto di partenza di una lenta discesa che li portò fino al 1992 a produrre altri quattro album decisamente poco interessanti. La colpa principale potrebbe essere data al fatto che la band dovette (o volle) cambiare cantanti in continuazione, fino ad arrivare a tenersi alla voce il chitarrista Steve Lukather. In realtà questa è una aggravante, più che altro il sound del gruppo negli ultimi anni si fece veramente stanco.

Nel 1992 accadde un fatto che peggiorò ulteriormente la situazione: Jeff Porcaro, tuttora ritenuto uno dei migliori batteristi della storia, morì a causa di un arresto cardiaco. Il gruppo decise di andare ugualmente avanti, ma i lavori da studio riscossero sempre meno interesse sia in Europa, sia negli Stati Uniti; come per molti altri gruppi pop / neo-progressive, il successo lo continuano ad avere in Giappone. Di questa seconda metà della loro carriera merita comunque una citazione “Through the looking Glass” del 2002: un divertentissimo e riuscitissimo album di cover. In realtà sembra il massimo che adesso oossono fare, ma il loro successo non è stato poi così indifferente.